lunedì 24 novembre 2014

dulce de leiche


 Sembra un semplice barattolo di vetro anonimo, ma c'e' tutto un mondo dentro.
Ne ho sentito parlare tantissimo e un po' ovunque ma non ero pronta all'incontro, per ogni cosa c'e' il giusto tempo!
Bhe oggi ho deciso che era ora che io facessi questa esperienza, , anche perche' avevo gia' deciso da qualche giorno l'uso da farne, penso che sara' un abbinamento davvero fantastico quello che ho intenzione di fare.


Altro che nutella....

Semplice da fare, occorre una scatola di latte condensato, si versa in un barattolo di vetro si tappa bene e si fa cuocere a bagnomaria per 3/4 ore a fiamma minima

Ciambella al limone glassata

120 gr di zucchero
90 gr di farina 00.
60 gr di fecola
4 uova
1 bustina di lievito
la scorza grattata di limone
Un bicchierino di limoncello
80 gr di burro morbido

Montare i tuorli fino a renderli spumosi e chiari, aggiungere il burro, la farina ed il lievito setacciati, la scorza ed il limoncello.
Montare a neve ferma gli albumi e incorporarli ai rossi, procedendo con un cucchiaio di legno, nel movimento dall’alto verso il basso, per non farli sgonfiare.
Infornare a 170° per circa 40 minuti in forno preriscaldato.
Sfornare, spolverare di zucchero a velo.
Variante: si può servire con una glassa semplice di zucchero, oppure farcita con crema al limone.
La glassa e' fatta con zucchero a velo e poche gocce di acqua

Mattonella al melone

Per la gelatina di melone

300g di melone
200g di zucchero
il succo di 1/2 limone
15g di gelatina in fogli

Frullare la frutta con il succo di limone. Metterla in un pentolino con lo zucchero e far cuocere 6/7 minuti. A fine cottura unire la gelatina fatta ammollare in acqua.


Per la crema
4 tuorli + 1 uovo intero
200 di panna + 300g ml di latte
120 g di zucchero
60 gr di amido di mais
12 g di gelatina in fogli
1 yogurt greco.



Montare le uova con lo zucchero, unire l'amido di mais e il latte tiepido a filo e far all'addensare. Unire la gelatina ammollata. Far raffreddare e aggiungere lo yogurt(se non e' Greco usare uno yogurt bianco)
Fare un primo strato di gelatina in uno stampo da plumcake e far solidificare in freezer 5 minuti. Fare un secondo strato con la crema e poi ancora in freezer 5 minuti. e così via fino ad esaurimento degli ingredienti. Far riposare in frigo 3/4 ore oppure un'oretta in frezeer.

La torta di rose

Con lo stesso impasto delle brioche cu zuccaru   la torta di rose, magnifica
 oppure le brioche a girella singole




La farcia l'ho fatta con le mele, cannella e nocciole tritate.

INGREDIENTI:
g 250 farina manitoba(io ho messo 300)
g 250 farina 00
g 75 zucchero
g 5 sale
g 75 di strutto
g 20 di lievito di birra
170 ml d'acqua( io ho messo150)
170 ml di latte( io ho messo 150)

PROCEDIMENTO:
Fare un impasto con gli ingredienti indicati, lo strutto alla fine.
Porre a lievitare per un'ora e mezza in luogo tiepido, e comunque fino al raddoppio. Sgonfiare un poco l'impasto, fare le pieghe del secondo tipo e lasciar ripossare circa 15/20 minuti.
Quindi formare le brioche a forma di treccine oppure tonde senza rilavorare eccessivamente l'impasto.

Allinearli man mano distanziati sulla placca del forno foderata di cartaforno, pennellarli con una miscela di latte e acqua e lasciarli lievitare fino al raddoppio. In estate bastano circa 40 minuti, in inverno ci vorrà anche più di un'ora. Pennellarli di nuovo con la miscela di latte e acqua e cuocere in forno a 180/190° circa finchè non saranno belli dorati.

Non appena sfornati si spennellano di nuovo e subito si spolverano con abbondante zucchero semolato.
(Io appena sfornate pennello/lucido con uno sciroppo di 50 ml di acqua e 50gr di zucchero fatto bollire per qualche minuto, quindi poi spolvero di zucchero semolato)

Dunque per la torta di rose, ho proceduto all'impasto e fatto lievitare una prima volta, nel frattempo ho preparato la farcia con :

4/5 mele
succo di limone
una noce di burro
3 cucchiai di zucchero di canna
3 cucchiai di zucchero semolato
una manciata di nocciole tritate(o pinoli)
cannella
poca acqua

Ho fatto sciogliere il burro con lo zucchero(semolato e di canna) ho aggiunto poca acqua e le mele a pezzetti sottili quindi il succo di limone ho fatto appassire, poi ho spento e fatto raffreddare.

Nel frattempo quando la pasta ha raddoppiato l'ho presa, sonfiata e fatto le pieghe, quindi ho steso in un rettangolo e spalmato sopra la farcia, ho fatto un rotolo e tagliato a fette di 1,5/2 cm ho messo in una teglia con cartaforno posizionando le fette distanti un paio di cm tra loro.
Ho spennellato di latte e messo a lievitare, quando la teglia era bella piena, quindi al raddoppio, ho pennellato ancora di latte e infornato a 180° per una ventina di minuti circa, quando la torta era bella dorata.
Appena sfornata ho pennellato con lo sciroppo di zucchero fatto con 50 ml di acqua e 50 gr di zucchero bolliti, quindi ho spolverato con poco zucchero semolato.
Ecco qui.



dentro


oppure si possono fare le girelle singole

Calzone Cilentano fritto

Una specialita' tipica nostra del Cilento e'  la pizza con la scarola e i calzoni fritti sempre con la stesso ripieno .
Io oggi ho fatto i calzoni.

X La pasta:
700 gr di farina
10 gr di lievito
1 cucchiaino di zucchero
1 cucchiaio di strutto
2 cucchiaini di sale
350 ml di acqua (circa)

Ho sciolto il lievito con poca acqua tiepida e lo zucchero, ho aspettato 10 minuti che schiumasse quindi ho impastato tutto insieme nel ken prima con la foglia, poi col gancio per 10 minuti.
L'impasto l'ho fatto ieri sera, quindi ho scelto la lievitazione in frigo per tutta la notte.
Stamattina verso le 10 ho tirato fuori dal frigo, ho lasciato per mezz'ora a temperatura ambiente, quindi dopo ho formato i calzoni farciti, li ho adagiati su teglie rivestite di cartaforno e ho messo a lievitare ancora un po'.
Poi ho fritto in friggitrice.